Io ci ho pensato, sono due giorni che ci penso. Ma non riesco a capire. Morire ammazzato di botte a 21 anni.

Non lo capisco. È contro ogni logica.

È una violenza così gratuita e insensata, così personale che non riesco proprio a capire.

Il “cinque contro uno” dovrebbe dare qualche indizio ma non credo si possa limitare la cosa ad una aggressione fascio-razzista, è qualcosa di più, un indizio di qualcosa di profondamente errato nel mondo.

Ovviamente adesso partiranno gli strali contro l’MMA e le arti marziali in generale. Cazzate. Come al solito. Questa volta sono le arti marziali, l’ultima volta erano i videogiochi, quella prima l’arbitro cornuto. Cazzate. La questione è che manca il rispetto della vita umana, in generale. Quello che abbonda è il senso di superiorità rispetto a chi è diverso per colore della pelle, orientamento sessuale, QI, luogo di nascita. Diverso per una ragione qualsiasi.

Vorrei finire il post con una frase tipo “forse dovremmo tutti…” o “l’unica soluzione è…” ma sarebbe stupido e presuntuoso. Alla fine mi trovo solo a pensare a Edoardo che ha 14 anni e che per come è fatto, vedendo un amico pestato, cercherebbe anche lui di proteggelo.